Gualdo Casacastalda (4-4-2): Raclau 6,5; Stoppini 6,5, Bianconi 6, Matarazzi 7, Passeri 6; Galletti 6 (20’st Petrini 6), Fornetti 6,5, Chioccolini 6,5, Gaggioli 6 (26’st Chiocci 6,5); Bellucci 7,5, Nuti 7 (43’st Angeletti sv) A disp.: Mosca, Bensi, Sannipoli, Sellani, Moriconi F., Giacometti. All.: Bazzucchi 6,5

Petrignano (4-3-3): Scarabattola 6,5; Ceccarelli 6, Caddeo 6, Casciola 6, Ascani 6; Batini 6,5, Cairoli 5,5 (30’st Siniscalco 6), Ciani E. 6; Anselmi 6, Cicchi 5,5, Mosconi 5,5 (43’st Ekhator sv). A disp.: Brufani, Capezzali, Ciani L., Federici, Kuci O., Listini, Kuci M. All.: Proietti 6

Marcatori: 4’st Bellucci

Ammoniti: Fornetti (GC), Ceccarelli (P)

Note: recupero 1’pt; 3’st Angoli: 10-3 Per il Gualdo

GUALDO TADINO: La perla al 4′ della ripresa di Bellucci su calcio di punizione vale il dodicesimo risultato utile consecutivo, la sesta gara di fila senza subire reti ma soprattutto permette alla formazione di Bazzucchi di far rimanere inalterato il distacco dal Campitello terzo della classe a dieci lunghezze. Un gap, quello attuale, che significherebbe non disputa dei play off. Proprio per questo motivo, la scontro diretto in programma nel prossimo turno fra i ternani ed il Gualdo Casacastalda, assumerà un ruolo di capitale importanza ai fini degli spareggi promozione. Per il Petrignano, invece, saranno decisivi i prossimi scontri diretti in chiave salvezza.

La cronaca: I locali prendono subito in mano il pallino del gioco e si fanno vivi dalle parti di Scarabattola già al 7′ con una grande azione sull’asse Gaggioli-Nuti, conclusione di quest’ultimo e sfera che terminava tra le braccia dell’attento Scarabattola. Al 24′ buona chance per il Petrignano in virtù del cross di Anselmi dalla destra recapitato sulla testa di Batini ma Raclau era abile a deviare in tuffo in corner. Al 35′ l’occasione più limpida per i gualdesi: angolo di Bellucci, spizzata di Nuti ma né Matarazzi prima né Bianconi poi riescono nel tap-in vincente. Ad inizio ripresa l’episodio che decide la contesa. Atterramento al limite dell’area di Nuti, calcio franco di Bellucci che pennellava una traiettoria perfetta all’incrocio dei pali per la rete del vantaggio. Nel finale altra ripartenza di marca locale su cui il portiere del Petrignano diceva no a Petrini. Per la formazione di Proietti qualche situazione potenziale ma nessuna vera parata compiuta nei secondi quarantacinque minuti da Raclau.

Contenuto bloccato fino all'accettazione dei cookie.
Per visualizzarlo, esprimi il tuo consenso cliccando qui e ricarica la pagina.